Piegando più volte un foglio di carta, a partire dal XI secolo, prende vita la nobile arte degli origami.

Rispettando i precisi schemi geometrici degli origami, grandi e piccoli possono ancora oggi, in tutto il Mondo, divertirsi nel loro tempo libero ad ottenere colorate figure di persone, oggetti, fiori, ed animali.

piega dopo piega, con pazienza e dedizione  potrai ottenere ogni figura

 

Il Giappone è la patria indiscussa degli origami.

Sapevi che la storia degli origami (letteralmente carta piegata o piegare la carta) nasce quasi contemporaneamente all’invenzione della carta, in Cina, nel 103 D.C. circa? L’Europa, invece, dovette attendere circa sette secoli prima di conoscere tale pratica!

Molteplici sono i significati che la parola origami evoca, primo fra tutti quello religioso. Più precisamente, nel lontano XI secolo D.C., in Giappone, apparvero i primi “go-hei”, ovvero strisce di carta bianca piegate a zig-zag, simboli della presenza di Dio. Tale significato degli origami, ancora oggi, risulta essere preponderante, infatti, gli sposi hanno l’usanza di attaccare delle farfalle di carta alle loro coppe di sakè nel corso del loro banchetto nuziale.

 

Le potenzialità pedagogiche degli origami.

Con il trascorrere del tempo, la nobile arte dei fogli di origami divenne un vero e proprio hobby, ma solo con l’avvento della Seconda Guerra Mondiale, si consolidò come una solida pratica comune dalle grandi potenzialità pedagogiche, confermate in epoca recente.

Tramandata di generazione in generazione, l’arte degli origami veniva e viene tuttora insegnata ai bambini, affinché possano realizzare da sé i propri giochi, con l’aiuto di genitori o maestre.

Giudicato da molti un passatempo che distende la mente e che stimola la creazione e l’immaginazione, gli origami di carta sono anche un gioco che sta entrando piano piano nelle scuole elementari, come fosse un vero e proprio programma didattico.

 

Materiali necessari per la realizzazione degli origami.

Ti starai sicuramente chiedendo quali accessori servono per realizzare gli origami… è tutto molto semplice: tanta carta! Avendo in mano questo materiale sei pronto per iniziare: rilassati, mettiti all’opera, libera la tua creatività e dai spazio alla tua fantasia!

Innanzitutto, i fogli per origami comunemente utilizzati e consigliati soprattutto per coloro che sono alle prime armi sono i normalissimi fogli A4 o i fogli di quaderni, sia a righe che a quadretti. Questi devono essere leggeri (poco spessi), lisci e resistenti alle molteplici pieghe che dovrai fare: si sconsiglia vivamente di utilizzare carta crespa o carta velina, perché queste sono troppo morbide e non adatte alle pieghe; non è opportuno nemmeno l’utilizzo del cartoncino, in quanto troppo duro e resistente alle varie pieghe.

Devi inoltre sapere, poi, che esistono anche delle carte speciali per origami, che puoi acquistare online o in negozi specializzati in modellistica una volta che sarai diventato esperto: la carta sandwich (un tipo di carta tanto delicato quanto resistente), la carta washi (in alluminio, molto in voga in Giappone), la carta metallizzata, la carta da legatoria colorata e la carta pergamena.

 

Come si fanno gli origami: l’importanza dei supporti cartacei e visivi.

A questo punto, ti starai chiedendo come imparare le principali pieghe e le tecniche di base per realizzare fogli di origami e, soprattutto, per poter diventare con il passare del tempo un perfetto origamista.

La pazienza è la virtù dei forti e, tanta pratica, senza ombra di dubbio sarà tua valida alleata. Come prima cosa, devi essere a conoscenza del fatto che esistono tantissimi modelli di origami cui poter far riferimento; partirai, ovviamente, in un primo momento da quelli base, che sono più facili da realizzare.

Una delle prime tecniche da eseguire per poter ottenere una perfetta riuscita degli origami di carta è quella di rispettare le cosiddette tracce, ovvero le prime piccole pieghe che generalmente si fanno in partenza.
Per fare un esempio:

  • Come prima cosa dovrai formare sul foglio una traccia centrale, che è quella che otterrai andando a piegare il foglio (bianco o colorato, scegli a tuo piacimento) in diagonale, riaprendolo successivamente. Questo punto è fondamentale per iniziare bene il lavoro poiché, su di esso, dovrai poi far ricadere le pieghe successive;
  • La traccia secondaria è ancora più importante della traccia centrale, poiché rappresenta, infatti, il punto di riferimento per le “pieghe sulle pieghe”;
  • L’ultimo passaggio da seguire riguarda le pieghe finali, che possono essere di vario tipo e che, se combinate tra di loro in maniera diversa, possono dare vita a qualsiasi tipo di oggetto.

Non aver paura di sbagliare: un consiglio utile, nonché infallibile, è quello di affidarti a dei video tutorial di base facilmente reperibili su YouTube o su manuali e riviste, realizzati in maniera molto dettagliata. Ovviamente, esistono anche i libri di origami.
Puoi fare affidamento anche su supporti visivi, come le fotografie, o a delle semplici forme di base. A tal proposito, devi essere a conoscenza del fatto che, per realizzare qualsiasi tipo di oggetto, devi partire sempre da una forma predefinita o standard per poter realizzare diversi modelli di origami, come ad esempio la base aquilone, la base pesce, la base fiore, la base quadrata e la base triangolare.

Qualora questa nobile arte ti renda un grande appassionato, hai la possibilità addirittura di seguire veri e propri corsi di base e di approfondimento avanzato o, inoltre, di poter partecipare a convegni in merito che si tengono periodicamente e che, durante i quali, potrebbero consentirti di incontrare gli origamisti e i piegatori più in voga del momento. Bellissime, in ultimo, le mostre d’arte che vengono realizzare sugli origami in appositi spazi espositivi molto suggestivi.

 

Grandi e piccoli all’opera: cosa poter realizzare con gli origami di carta.

L’arte degli origami è davvero in grado di poter unire tutta la famiglia, specialmente nei weekend invernali o durante un’uggiosa giornata di pioggia.

Tra più semplici da realizzare in compagnia dei più piccoli, ci sono questi origami per bambini: i fiori di carta, i cuoricini, gli animali, le barchette, i cestini, le buste da lettere, delle scatoline porta oggetti o svuota tasche, le girandole, le trottole.

Usando dei semplicissimi fogli di carta, puoi dunque trovare un buon metodo per poter sviluppare la tua creatività e dare libero sfogo alla tua fantasia.
Puoi, infine, imparare a trovare una concentrazione maggiore e ad acquisire una buona manualità.

viva gli origami